Un progetto del Comune di Milano | Cultura Area Spettacolo

Il 22 settembre 2019 prende il via la nuova stagione di Palazzina Liberty in Musica. Un cartellone di oltre 140 appuntamenti con la grande musica da camera e sinfonica. Nello splendido edificio art nouveau, al centro del Parco Formentano, una ricca programmazione di concerti con le stagioni di Milano Classica, Liederiadi, La Risonanza e molti altri eventi musicali dalla lirica alla musica contemporanea.

“Da quando, dopo una profonda operazione di recupero architettonico e funzionale, è stata nuovamente restituita al pubblico, la Palazzina Liberty ha conquistato sempre maggiori attenzioni da parte dei milanesi, vocandosi sempre più come uno dei poli culturali della città. Lo storico edificio di Largo Marinai d’Italia – intitolato, nell’ottobre del 2017, a due delle maggiori figure della cultura del nostro tempo (Dario Fo e Franca Rame) – è cuore musicale pulsante all’interno del Parco Formentano. Nel corso del tempo ha visto esibirsi sul suo palcoscenico alcune tra le migliori compagini corali, cameristiche e orchestrali del panorama nazionale e internazionale, facendo altresì da ponte tra generazioni diverse di artisti, senza discriminazione alcuna tra stili musicali anche lontani tra loro, promuovendone piuttosto la pluralità dei linguaggi. Il profilo dell’attività di Palazzina Liberty, che è andato delineandosi nel corso degli ultimi anni, grazie anche a un robusto progetto di rilancio sostenuto dall’Amministrazione Comunale, prosegue nella stagione 2019/20 sulla medesima linea d’indirizzo. L’obiettivo è quello di consolidare il rapporto con il proprio pubblico e di implementare la propria offerta culturale grazie soprattutto alla fitta rete di relazioni con gli operatori della città che trovano nel progetto Palazzina Liberty in Musica un luogo ideale di incontro e sviluppo delle proprie iniziative. È con altrettanta convinzione che viene confermata l’impostazione grafica di tutta la campagna promozionale, con l’utilizzo di un’altra preziosa creazione di Alphonse Mucha, esponente di spicco dell’Art Noveau, appartenente alla Raccolta Bertarelli del Castello Sforzesco. Accanto alla Civica Orchestra di Fiati di Milano, ensemble che abita la Palazzina Liberty stabilmente sin dal 1991 (anno in cui l’edificio di Largo Marinai d’Italia è tornato a disposizione dei milanesi), numerosi sono gli artisti e le performance musicali in genere che animeranno il nuovo cartellone.L’auditorium – che si cela dietro le ampie vetrate dell’edificio progettato nel 1908 dall’architetto Alberto Migliorini e facente parte fino alla metà degli anni Sessanta del Verziere (l’antico mercato ortofrutticolo) – nel corso della stagione 2019/20 vede alternarsi numerosi protagonisti: dall’Orchestra Milano Classica, con un rinnovato progetto, al Festival Liederìadi, da La Risonanza a Rondò 2020, da La Compagnia del BelCanto e PianoLink a Sound of Wander, tutti soggetti che insieme concorreranno, tra l’ultima decade di settembre 2019 e la fine di giugno 2020, alla composizione di un cartellone prossimo alle 150 iniziative complessive.”

Filippo Del Corno
Assessore alla Cultura del Comune di Milano


“Da quando, nel gennaio del 2019, ho assunto l’incarico di direttore dell’Area Spettacolo, raccogliendo la preziosa eredità di chi mi ha preceduto, fra i numerosi dossier di lavoro legati alle mie competenze, ho subito colto e vissuto con passione l’impegno professionale che deriva dalla gestione di un progetto culturale così rilevante per la città qual è Palazzina Liberty in Musica. La gestione virtuosa dello spazio e lo sforzo per migliorarne la funzionalità e fruibilità a beneficio della comunità, il contatto con gli operatori culturali che si relazionano quotidianamente con l’Amministrazione e il lavoro volto proprio a favorire il fruttuoso rapporto tra pubblico e privato, sono tutti pezzi di un puzzle che fanno dell’attività legata alla Palazzina Liberty una sfida complessa ma di indubbio fascino. L’obiettivo primo è quello di far crescere il rapporto tra la Palazzina Liberty e il territorio cui appartiene – Municipio 4 – affinché lo spazio si consacri sempre più come uno dei luoghi culturali più attrattivi, non solo di una zona della città ma dell’intero tessuto metropolitano. La bellezza riconosciuta della sua architettura, la sua collocazione nel polmone verde dei giardini di Largo Marinai d’Italia e lo sforzo che è stato compiuto negli ultimi anni per valorizzarne storia e ambizioni rappresentano un’eccellente base di partenza. Tra i molteplici contenuti di cui il progetto PLiM è portatore, una piccola menzione merita la Civica Orchestra di Fiati di Milano (nel 2019 ricorrono i 160 anni dalla sua fondazione), pioniera di un progetto in divenire e storica abitatrice di una Palazzina Liberty finalmente restituita (siamo nel 1991) alla città. Ma non sarà soltanto la C.O.F. a dare vita all’offerta che arricchisce il cartellone 2019/20. Accanto all’ensemble milanese, orchestre, gruppi da camera, cori, compagnie teatrali, performer e un’intensa attività didattica per il pubblico dei più piccoli faranno di Palazzina Liberty – come è nelle aspettative – un punto di riferimento culturale e sociale per i milanesi ed un importante strumento di diffusione e di crescita della cultura musicale a vantaggio di tutti.”

Isabella Menichini
Direttore Area Spettacolo del Comune di Milano


Un progetto del Comune di Milano | Cultura Area Spettacolo

Assessore alla Cultura del Comune di Milano

  • Filippo Del Corno

Direttore Cultura

  • Marco Edoardo Minoja

Direttore Area Spettacolo

  • Isabella Menichini

Responsabile Unità Gestione Sistema Convenzioni e Partenariati

  • Stefania Rossi

Ufficio Progetti Culturali

  • Elisa Castoldi, Responsabile
  • Attilio Azzellino
  • Gianfranco Scafidi

Organizzazione, logistica e archivio musicale

  • Nicola Martinengo

Redazione

  • Stefania Rossi Gianfranco Scafidi

Promozione

  • Segreteria Tecnica Area Spettacolo Rita Gaito
  • Teresa Dipierro

Con il supporto di

  • Ufficio Promozione e Comunicazione – Direzione Cultura

Un particolare ringraziamento a

  • Barbara Romano