SCOTTISH SONGS

Concerto registrato alla Palazzina Liberty Dario Fo e Franca Rame, in streaming sulla pagina Facebook di Festival Liederìadi e di Almo Collegio Borromeo.  facebook.com/liederiadi www.festival-liederiadi.it
Festival Liederìadi

SCOTTISH SONGS

SCOTTISH SONGS, op.108 

Ludwig Van Beethoven (1770 – 1827) 

per tenore, coro misto, violino, violoncello e pianoforte 

Il Festival Liederìadi (direzione artistica di Mirko Guadagnini) trasmette in streaming il suo primo concerto, registrato presso la Palazzina Liberty Dario Fo e Franca Rame, che fa parte del cartellone di “Palazzina Liberty in Musica”, un progetto promosso e coordinato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano, Area Spettacolo Comune di Milano – Cultura e patrocinato anche da Regione Lombardia.
Il concerto è realizzato in partnership con l’Almo Collegio Borromeo di Pavia e l’Associazione Forte?Fortissimo!Tv. 

Il concerto prevede l’esecuzione delle SCOTTISH SONGS op.108 di Ludwig Van Beethoven, venticinque “canzoni scozzesi” per tenore solo, coro misto, violino, violoncello e pianoforte pubblicate nel 1818 in Inghilterra per poi essere tradotte anche in lingua tedesca nel 1822.

Commissionate dall’edimburghese George Thomson, promotore e sostenitore della tradizione musicale scozzese che chiese a diversi compositori europei dell’epoca, tra cui L.V. Beethoven, di scrivere delle musiche popolari scozzesi che sarebbero poi state abbinate a testi poetici tradizionali, le opere di L.V. Beethoven risultarono tra le migliori ma anche tra le più complesse da eseguire sia per i cantanti che per i pianisti.

Questo ne limitò all’epoca la diffusione e l’esecuzione, con grande sorpresa dello stesso Thomson. In realtà si tratta di 25 brevi composizioni sublimi, di estrema unicità, raramente eseguite, in cui la firma di Beethoven è riconoscibile nelle introduzioni e nelle conclusioni di ogni “Song” che assumono il carattere di piccole sinfonie, mentre il compositore ci sorprende nella parte tematica legata al canto con ritmi e melodie scozzesi che rendono questa raccolta piuttosto unica. 

Mirko Guadagnini, tenore 

Silvia Mazzon, violino Vittorio Ceccanti, violoncello 

Marcello Mazzoni, pianoforte 

Coro dell’Almo Collegio Borromeo 

Marco Berrini, maestro del coro 

————————- 

IL FESTIVAL LIEDERIADI Il Festival Liederìadi è giunto alla sua quindicesima stagione. È la prima e unica stagione concertistica italiana dedicata alla musica liederistica, ovvero a quel repertorio sterminato per voce e pianoforte che in questi anni ha conquistato il cuore di tanti appassionati uditori. Un risultato ottenuto grazie alla grande attenzione all’espressività, all’altissima qualità dei cantanti e dei pianisti, all’accurata analisi filologica dello spartito e non da meno allo studio approfondito dei fermenti culturali e letterari legati a doppio filo al Romanticismo europeo. 

Attualmente il Festival Liederìadi annovera oltre 120 concerti: la proposta si avvale di repertori noti, rarità e prime esecuzioni, esplorando monografie di compositori classici e contemporanei. 

Dal 2011 il Festival Liederìadi è ospitato nell’elegante Palazzina Liberty Dario Fo e Franca Rame, luogo deputato alla musica con il cartellone “Palazzina Liberty in Musica”, in cui il Festival trova una sua naturale collocazione nel lavoro costante di portare eccellenza di repertori e di artisti chiamati ad eseguirli.